lunedì 31 gennaio 2011

VITTORIO VENETO (TV): IL RITORNO DEI BRONTIDI?

di Giuseppe Stilo

Dopo una prima notizia apparsa sull'edizione on-line del Gazzettino, Gazzettino.it il giorno precedente, il 25 gennaio 2011 un sito internet che si occupa di problematiche legate alla protezione civile ha diffuso la notizia secondo la quale nella località di Fadalto, che si trova nel comune di Vittorio Veneto (Treviso) e che insiste nell’area della val Lapisina, forse da settimane la popolazione era in allarme a causa del ripetersi di “boati” o “esplosioni” simili a quelle nelle gallerie minerarie, percepiti in orari diurni e notturni ed in apparenze provenienti dal sottosuolo. Anche i vetri avrebbero tremato per le esplosioni. Nell’esprimere la sua preoccupazione il sindaco di Vittorio Veneto dichiarava che l’origine dei boati sembrava riconducibile al sottosuolo ed anche ad eventi avvenuti ad una certa profondità piuttosto che a qualcosa verificatasi in superficie.

Alcuni geologi intervenuti a titolo personale per esprimere un parere avrebbero dichiarato di escludere un’origine sismica dei fenomeni. A loro avviso sarebbe piuttosto plausibile pensare a cause di natura freatica, ossia a dinamiche legate a movimenti di una falda acquifera della zona.

E’ da notare che in località Fadalto sorge una centrale idroelettrica dell’ENEL da 240 MW che comporta la presenza di una diga con un salto di 96 metri e quella di un lago artificiale (il lago di Santa Croce) con una galleria di derivazione di 2531 metri. Presso il lago si trovano le opere di presa della centrale, attiva dal 1971.

Il 29 gennaio il quotidiano La Tribuna di Treviso ha poi riferito che nella zona erano stati diffusi volantini anonimi la cui attendibilità rimane inverificabile, secondo la quale negli stessi giorni dei boati si sarebbero verificati altri due generi di eventi.

1) Fenomeni luminosi in atmosfera: nelle notti del 23, 25 e 26 gennaio un “oggetto volante con luminescenze dal rosso all’indaco” sarebbe stato osservato da testimoni imprecisati;

2) Fenomeni di luminescenza ed idrodinamici dell’acqua di un lago: dal vicino lago Morto sarebbero stati visti sollevarsi spruzzi e sulla superficie formarsi dei “cerchi fosforescenti”.

Secondo il quotidiano trevigiano i boati durerebbero da settimane e sarebbero particolarmente evidenti in ore notturne.

Il 30 gennaio, oltre a riferire la prosecuzione dei boati, il quotidiano “Il Gazzettino” ha intervistato il geologo Gino Lucchetta, assessore comunale a Pieve di Soligo (TV) e vice-presidente della comunità montana nella cui giurisdizione ricade Fadalto.

Lucchetta ha dichiarato che:

a) pare escludersi un’origine superficiale dei fenomeni. Nessuna coincidenza, in seguito alle verifiche fatte, emerge con manovre dell’ENEL nelle gallerie della centrale idroelettrica o con attività nelle cave del Col del Vi, poste sopra Fadalto.

b) I fenomeni acustici sembrano essere avvertiti in prevalenza tra le 19 e le 23 oppure fra le 06.30 le le 08.00.

c) Il 23 gennaio i sismografi posti in zona hanno registrato un movimento a dieci chilometri di profondità, ma senza che fosse possibile connetterla in alcun modo alla fenomenologia.

d) Circa eventuali legami con attività carsiche, regolarità degli orari e ripetitività dei fatti renderebbe l’ipotesi poco praticabile.

e) Lucchetta ha infine ipotizzato la possibilità che si tratti di frane di grandi proporzioni in corso in alta quota, ad esempio sui versanti del Col Visentin e del Pizzoc.

f) Geologi del Dipartimento Geologia della Regione Trentino-Alto Adige hanno riferito a Lucchetta che eventi simili ma di durata limitata si erano già registrati in zona nel passato.

Anche a prescindere dall’attendibilità di queste ultime notizie di stampa, gli eventi di queste settimane paiono riportare in primo piano un genere di fenomenologia di competenza del CIPH: i brontidi.

Questo è il nome con il quale il CIPH individua una vasta gamma di fenomeni acustici, a volte di carattere esplosivo, a volte simili a rombi prolungati o a prolungati toni di frequenza bassa, altre a ronzii o a curiose vibrazioni la cui collocazione varia, secondo le descrizioni, nel sottosuolo o nell’atmosfera.

Le ipotesi di lavoro più interessanti per il CIPH afferiscono sia alla possibile natura elettrofonica di almeno parte dei brontidi, sia alle possibili dinamiche geofisiche e di fisica atmosferica che potrebbero presiedervi.

In alcuni casi, fenomeni di tipo EL (Earth Lights) sono stati associati ai brontidi.

La fenomenologia di Fadalto pare mostrare speciali analogie con quanto si verificò per almeno due anni, ossia tra il 1965 ed il 1967, nelle zona di Entracque e di Valdieri (Cuneo), nell’alta val Gesso.

Le fonti di stampa del tempo (Stampa Sera del 12-13 e del 16-17 aprile 1966; La Stampa del 12 maggio, del 2 novembre 1966, del 7 e del 15 marzo 1967) riferiscono di innumerevoli boati ritenuti di evidente origine sotterranea che si accompagnavano a vibrazioni di natura pseudo-sismica che in certe occasioni giunsero al punto da generare danni lievi a manufatti ed a costruzioni oltre che conseguenze di vasta portata sociale sull’economia, sul benessere psichico e sulle attività della popolazione.

Vi furono vaste attività d’indagine da parte di geologi inviati pure dall’Istituto Nazionale di Geofisica ed un’interrogazione parlamentare alla Camera con la quale il 14 aprile 1966 si chiese la sospensione dell’attività della vicina centrale idroelettrica ENEL di Andonno, nel territorio comunale di Valdieri, alimentata da una galleria proveniente dalla diga delle Piastre. Come oggi per Fadalto, la centrale si trova nei pressi delle località nelle quali si verificavano i fenomeni e che era sospettata esserne all’origine. La produzione di energia fu in effetti sospesa il 1° maggio ma i boati e le vibrazioni continuarono ad essere percepiti ad intermittenza.

Gli eventi ripresero più evidenti, a quanto pare dopo un periodo di cessazione, nell’ottobre dello stesso anno ma senza alcuna apparente relazione con le attività della centrale, che erano riprese il 1° settembre.

Le indagini dell’ENEL propesero per un’origine “sismica” degli eventi.

Altre ondate di boati si ebbero ancora nel marzo 1967. In quell’occasione fu addirittura emessa da parte del sindaco di Entracque un’ordinanza di chiusura temporanea delle scuole comunali e si ebbero proteste di massa da parte degli abitanti delle due cittadine.

Non è noto quando i fenomeni del cuneese si estinsero.

I brontidi furono oggetto di una certa attenzione da parte degli studiosi di scienze della terra in specie tra la fine del XIX secolo e gli anni ’30 del XX, al punto da produrre una bibliografia scientifica o comunque derivante da pubblicazioni di buon livello culturale.

In quella fase erano ritenuti in genere attinenti alla sismologia ed erano studiati perché ritenuti una possibile porta d’accesso alla previsione dei terremoti.

L’evidente impossibilità – almeno per il tempo – di legarli a dinamiche sismiche o comunque a tensioni tettoniche li relegò ben presto al ruolo di semplici curiosità.

Oggi almeno in Europa alcuni fattori fondamentali sembrano giocare a sfavore di un ritorno d’attenzione per i brontidi: l’intensissima antropizzazione del territorio rende spesso impossibile distinguere suoni di origine naturale da quelli di origine artificiale.

D’altro canto, le possibilità di rilevare in modo automatico eventi di questo tipo dovrebbe essere ormai alla portata sia delle istituzioni pubbliche sia di privati.

Il CIPH sta seguendo gli eventi di Fadalto con attenzione e si sta attivando per ottenere dati oggettivi significativi.

20 commenti:

Renzo Cabassi ha detto...

Approfondimenti specie su base locale sono reperibili al seguente url
http://ricercasperimentale.blogspot.com/

credit Giorgio De Luca

r c

niconti ha detto...

...Non sarà sfuggito ad alcuni appassionati del fenomeno di Hessdalen che
tra le prime osservazioni Ufo all'inizio degli anni 80, che avvevano
innescato il moltiplicarsi delle testimonianze di "luci", erano stati
riportati nella valle anche una serie di strani rumori, descritti in vario
modo.
Alcuni erano rumori sordi provenienti dalle viscere della terra simili al
passaggio di un treno in galleria, altri sembravano provenire dalle montagne
circostanti (vedi ad esempio: Devereux Paul, "Earth Lights Revelation",
Blandford, 1989 e 1990).

Jader ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Jader ha detto...

Nessuno ha mai registrato il suono delle brontidi?

Renzo Cabassi ha detto...

BELLUNO - Nuova riunione sul tema dei “boati” del Fadalto. A convocarla, il presidente della Provincia di Belluno, Gianpaolo Bottacin. All’incontro, che si terrà lunedì 28 febbraio 2011 ore 9.00, presso la Comunità Montana Alpago (in via Papa Luciani), sono stati invitati i tecnici della Comunità Montana Alpago e dei Comuni di Chies d’Alpago, Farra d’Alpago, Pieve d’Alpago, Puos d’Alpago, Ponte Nelle Alpi e Tambre. Per conoscenza, l’invito è stato inviato anche al Prefetto di Belluno e alla regione Veneto.
Fonte: Ufficio stampa Provincia di Belluno

Renzo Cabassi ha detto...

Approfondimenti in preparazione della riunone del 28 febbraio.
http://www.bellunopress.it/2011/02/25/bottacin-%C2%ABboati-in-fadalto-la-situazione-continua-a-essere-monitorata%C2%BB/

Renzo Cabassi ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Renzo Cabassi ha detto...

Mercoledì 9 marzo si terrà a Vittorio Veneto una riunione per tutti i sindaci delle aree interessate al problema del rischio sismico. Speriamo che la riunione serva anche a ridurre il clima di allarmismo e sconsiderato uso dei mezzi informativi per aumentare lo stato di allarme.

Così il GAZZETTINO.it
http://www.gazzettino.it/articolo.php?id=140658
"Boati sul Fadalto, 'terremoto il 13 o il 17' Sindaco: 'Sciacallaggio di irresponsabili'

gdl ha detto...

continua l'immane lavoro di monitoraggio a la ricerca della casa dei brontidi e dei tremori presenti nella zona di nord vittorio veneto

Renzo Cabassi ha detto...

http://ricercasperimentale.blogspot.com/

consiglio sempre di leggere su questo blog gli aggiornamenti sui fatti che interessano questo post. Attualmente c'e' la relazione sull'incontro del 9 marzo

Renzo Cabassi ha detto...

ViVeTV.it ha postato su YOUTUBE la viedeoregistrazione dell'incontro del 9 merzo

http://www.youtube.com/watch?v=gfmNbbR3GW8

Renzo Cabassi ha detto...

segnalo su Galileo, giornale di scienza e problemi globali, testata giornalistica italiana online dedicata ai temi della ricerca scientifica e tecnologica, un post sull'argomento

http://www.galileonet.it/articles/4d7d169d72b7ab3eff000001

Renzo Cabassi ha detto...

Boati in Fadalto. Zaia: “la questione non è stata dimenticata”

“Quella dei boati del Fadalto è una questione non dimenticata, non trascurata nè derubricata come evento normale”...
Bellunopress-news dalle Dolomiti
19 marzo 2011

http://www.bellunopress.it/2011/03/19/boati-in-fadalto-zaia-la-questione-non-e-stata-dimenticata/

Renzo Cabassi ha detto...

Si è conclusa alla fine di marzo l'indagine sismica effettuata dai tecnici dell'OGS di Trieste
Per studiare la propagazione delle onde sismiche nel sottosuolo, hanno lasciato cadere da diverse altezze un peso di alcune tonnellate registrando le vibrazioni prodotte con 164 geofoni installati nella zona dell'alto Veneto

http://www.ilgiornaledellaprotezionecivile.it/index.html?pg=1&idart=3107&idcat=3

Renzo Cabassi ha detto...

Evento sismico di magnitudo 3 in zona il giorno 01/04/2011 ore 15:33:41

http://cnt.rm.ingv.it/data_id/2216944120/event.php

Renzo Cabassi ha detto...

VITTORIO VENETO - nel Fadalto, venerdì 1° aprile, alle 15,33 si è registrata una nuova scossa di terremoto di magnitudo 2,4 a 7,5 km di profondità con epicentro a Chies d'Alpago, in territorio bellunese.
I sismografi del Centro Ricerche Sismologiche di Udine, come la gente del posto, da Fadalto Basso fino alla Sella, ovvero in Alpago, dopo le 15 hanno avvertito una vibrazione  della terra di qualche secondo accompagnata da un boato.
«Confermiamo che è stata registrata una scossa di magnitudo 2,4 - afferma il direttore del CRS di Udine, Paolo Comelli - con epicentro in Alpago. Stiamo elaborando i dati, perchè nello stesso orario è avvenuto un terremoto anche a Creta e i dati si sono sovrapposti». Inizialmente, infatti, alla scossa era stata attribuita una magnitudo inferiore a 2, poi a metà pomeriggio era salita a 2,9, e alle 18,30 la conferma del CRS di Udine che si trattava di una scossa con magnitudo di 2,4 a una profondità di 7,54 km.

Renzo Cabassi ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Renzo Cabassi ha detto...

Curiosità...
le informazioni sui "boati" di Fadalto ha sicuramente mosso un certo interesse per chi si occupa in special modo di sismicità e fenomeni naturali probabilmente connessi. Abbiamo parlato di BRONTIDI, e anche questo ha suscitato interesse che speriamo faccia scaturire qualche interessante ricerca. Non si può pero' parlare di "brontidi" senza un accenno a Tito Alippi che non solo se ne occupo' come scienziato, ma addirittura invento' questo nome per gli eventi di questo tipo, dandovi anche un contributo di ricerca con i suoi lavori e i suoi articoli.
Approfondendo le informazioni su questo scienziato italiano che molto diede alla meteorologia italiana, ho riscontrato una piccola e divertente, a mio avviso, circostanza. L'inizio dell'interesse di Tito Alippi per questi "boati" e' accaduto precisamente 110 anni fa. Si legga a questo proposito la precisa nota biografica di TRECCANI.it
http://www.treccani.it/enciclopedia/tito-alippi_%28Dizionario-Biografico%29/

ALIPPI, Tito. - Nato a Urbino il 2 genn. 1870 da Giovanni e da Teresa Gaudenzi, si laureò in fisica nel 1893 scegliendo la via dell'insegnamento. Nel 1901, sollecitato dagli alunni del liceo classico "Telesio" di Cosenza, ove egli era reggente di fisica e chimica dal 1º genn. 1900, cominciò a studiare un mal noto fenomeno acustico dell'atmosfera, un sordo brontolio che aumenta di intensità per qualche secondo e poi rapidamente si affievolisce ed è percepito in numerose aree su tutta la superficie terrestre...

Renzo Cabassi ha detto...

un tentativo di raccolta info su eventi

http://www.fesn.org/Archivio_eventi_Fadalto.pdf

FESN - Friuli Experimental Seismic Network www.fesn.org

http://www.fesn.org/Fadalto_1.pdf

Renzo Cabassi ha detto...

sopo alcuni mesi di indagine si confermerebbe l'ipotesi sismica per i "brontidi" del bellunese di inizio 2011

http://www.montagna.tv/cms/?p=37205